Sandro Pertini

I ben pensanti non accettano che si segua una strada diversa dalla loro….



3 set 2014

Come era l'afghanistan prima che gli USA esportassero la "Democrazia" in quel paese...

“Forse, guardando queste vecchie foto quando l’Afghanistan era una terra di pace può incoraggiare tutti noi a vedere l’Afghanistan e la sua gente come erano e potrebbero essere. E’ importante sapere che abbiamo più cose in comune di ciò che ci separa con persone di altre terre lontane” (Peg Podlich).

Le foto che seguono sono opera del dottor William Podlich che nel 1967 lasciò la cattedra dell’Arizona State University per trasferirsi con la sua famiglia a Kabul, in Afghanistan, e unirsi all’UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura) in qualità di “Esperto sui Principi dell’Educazione”.
Oltre alla professione accademica il dottor Podlich era amante della fotografia e documentò l’esperienza della sua vita quotidiana a Kabul, in un pacifico Afghanistan. Circa un decennio prima dell’invasione sovietica del 1979, il paese sperimentava un fiorente livello di modernizzazione. Queste immagini, scattate tra il 1967-68, mostrano un netto contrasto con le scene di guerra dell’Afghanistan di oggi.
1. Questa è la strada principale che collegava Kabul con la città di Jalalabad. Podlich_Afghanistan_002.sJPG_950_2000_0_75_0_50_50.sJPG
2. Autobus afgano lungo il percorso del Khyber Pass che porta in Pakistan.
Bus driver.
3. La figlia del dottor Podlich, Peg, a sinistra con gli occhiali da sole, su un autobus che va da Kabul, in Afghanistan, a Peshawar, in Pakistan.
Podlich_Afghanistan_004.sJPG_950_2000_0_75_0_50_50.sJPG
4. Servizio di guardia presso il Palazzo del Re, a Kabul.
Guard duty at the King's Palace
5. The Higher Teachers College in Kabul.
An Afghan teacher.
6. Ragazze afgane che tornano a casa da scuola. Le ragazze afgane, così come i ragazzi, frequentavano la scuola fino al livello superiore, e anche se indossavano uniformi, alle ragazze non era permesso andare a scuola con il chadri (burka).
Afghan girls coming home from school.
7. Stazione di servizio.
Gas Station.
8. Il tunnel del passo di Salang, situato nella provincia di Parwan, è un collegamento lungo 2.6 km, tra il nord e il sud dell’Afghanistan, che attraversa la catena montuosa dell’Hindu Kush.
Podlich_Afghanistan_009.sJPG_950_2000_0_75_0_50_50.sJPG
9. Paghman Gardens, che è stato distrutto durante l’invasione statunitense dell’Afghanistan nel 2001.
Podlich_Afghanistan_010.sJPG_950_2000_0_75_0_50_50.sJPG
10. King’s Hill in Paghman Gardens.
King's Hill in Paghman Gardens.
11. Due giovani afgani si incamminano verso casa.
Young Afghans walking home.
12. Un quartiere residenziale di Kabul.
A residential hillside in Kabul.
13. Un gruppo di giovani afgani condivide tè e musica.
A group of young Afghans share tea and music.
14. Jilabee, un dolce fritto.
Frying Jilabee, a sweet dessert.
15. Una strada trafficata nella provincia di Kabul.
Sisters pose for a photograph in Kabul.
16. Lezione in una classe fatta di pareti di fango.
Chemistry lesson in a mud-walled classroom.
17. The American International School of Kabul, che ormai non esiste più.
Podlich_Afghanistan_018.sJPG_950_2000_0_75_0_50_50.sJPG
18. La Moschea di Shah-e-do Shamsheera in Kabul.
Masjid Shah-e-do Shamsheera in Kabul.
19. Celebrazione del nuovo anno.
New Year's Celebration.
20. Studenti dell’Higher Teachers College of Kabul.
Podlich_Afghanistan_026.sJPG_950_2000_0_75_0_50_50.sJPG
21. Giovani allievi che ballano nel parco giochi di una scuola.
Young students dancing to music on a school playground.
22. Il mercato di Istalif, a circa 30 km da Kabul.
Podlich_Afghanistan_030.sJPG_950_2000_0_75_0_50_50.sJPG
23. Alcuni giovani si rinfrescano nel fiume di Kabul.
Men and boys washing and swimming in the Kabul River.
24. La ciità di Istalif sullo sfondo, a nord ovest di Kabul, era un antico luogo di lavorazione della ceramica e centro di attrazioni turistiche. Il villaggio è stato quasi interamente distrutto dai pesanti combattimenti.
Podlich_Afghanistan_034.sJPG_950_2000_0_75_0_50_50.sJPG
25. Secondo l’UNESCO, il paesaggio culturale e i resti archeologici della valle di Bamiyan rappresentano gli sviluppi artistici e religiosi che dal 1 ° al 13 ° secolo hanno caratterizzato l’antica Bakhtria, integrando varie influenze culturali nella scuola Gandhara di arte buddista. L’area contiene numerosi santuari e monasteri buddisti, nonché edifici fortificati del periodo islamico.
Podlich_Afghanistan_036.sJPG_950_2000_0_75_0_50_50.sJPG
“Forse, guardando queste vecchie foto quando l’Afghanistan era una terra di pace può incoraggiare tutti noi a vedere l’Afghanistan e la sua gente come erano e potrebbero essere. E’ importante sapere che abbiamo più cose in comune di ciò che ci separa con persone di altre terre lontane” (Peg Podlich)

Nessun commento:

Posta un commento