Sandro Pertini

I ben pensanti non accettano che si segua una strada diversa dalla loro….



24 nov 2015

GUARIRE CON L'ALIMENTAZIONE E IL DIGIUNO
(Conferenza di Roma del 15 Gennaio 2015, Sala Dorotea, Via Tuscolana)
Mi ripresento al pubblico per la prima volta dopo l'infortunio occorsomi il 30 Settembre scorso a Pietrasanta in Versilia, dove ho toccato con mano il significato del dolore più intenso e straziante, e dove ho appreso una lezione inattesa sulla vulnerabilità del corpo umano, e sul come con poco e niente si arrischi di passare all'altro mondo. Chiedo a tutti scusa per essermi presentato qui con una stampella. Non è il massimo per una conferenza sulla salute e sulla forma psicofisica. Consideratemi pure un reduce che rientra da una vicenda bellica.
 faccio qui con enorme piacere, nella Roma Caput Mundi, capitale mondiale del bene a tutti gli effetti, e a volte purtroppo anche del male, alla luce dei recenti scandali.

TUTTE LE STRADE PORTANO A ROMA
Essere stata Centro di Irradiazione di valori, di leggi e di principi della Civiltà Occidentale per secoli e millenni, ed essere tuttora punto di  riferimento storico-artistico-religioso-culturale di prima grandezza, fa di Roma qualcosa di unico e di irripetibile. Tutte le strade portano a Roma. Non a New York, Chicago, Tokyo, Shanghai, Mosca, Berlino, senza voler svalutare nessuna di queste metropoli, ma al Colosseo, alle Piazze, alle Fontane, allo Straordinario Spirito che, al di là delle nostre mediocri vicende politiche odierne, questa nostra Caput Mundi sa tuttora esprimere e coagulare.

MEGLIO DI TUTTO PREVENIRE E NON AMMALARSI
Passiamo al tema odierno, incentrato sulla guarigione e sul digiuno. Più che pensare a guarire sarebbe assai meglio non ammalarsi. La migliore cura è infatti la prevenzione. La prevenzione non è di certo quella medica, basata sulle vaccinazioni, ma bensì quella che verte su una strategia salutistica globale, sulla alimentazione naturale e sana che da sempre sosteniamo. Quella alimentazione sobria, innocente, divertente e sostenibile che poi sulla alimentazione naturale e sana. Quella che poi ci contraddistingue, essendo stabilmente inserita nel nostro formidabile pacchetto-salute.
NON BASTA SAPERE LE COSE, MA OCCORRE METTERCI LA GIUSTA DOSE DI ENTUSIASMO, GRINTA E DETERMINAZIONE
Per chi mi segue da tempo si tratta di cose note e stranote, ma sulle quali occorre metterci più grinta e più convinzione. Il pacchetto-salute, o protocollo valdiano, se mi è concesso di chiamarlo scherzosamente così, è quello dell'Igiene Naturale con qualche dettaglio applicativo in più. Un insieme di considerazioni, di norme e di buoni consigli.

PACCHETTO SALUTE O PROTOCOLLO SALUTE DELLA HEALTH SCIENCE
1) La buona salute è un fatto normale se
impariamo una
buona volta a trattarci bene, 2) Il corpo è autoriparantre e autoguarente, 3) Il corpo non va mai contro se stesso, 4) La malattia non è un male ma al contrario un processo rimediale inteso ad espellere tossine, 5) La tossiemia è causa-base di tutte le malattie, 6) Non esistono cure e terapie valide sul sintomo, ma soltanto rozza e volgare curomania medica e non-medica, priva di principi e di risultati, 7) L'unica cura autentica possibile è quella della non-cura del sintomo, ossia della cura rivolta al fattore causante. In altre parole il recupero salute si attua rimuovendo i fattori causativi a monte, e non rimuovendo i sintomi a valle.
 8) Rifiuto e rigetto totale della teoria microbica pasteuriana del contagio e di tutte le vaccinazioni, 9) L'idea di rendere una persona immune o disease-free (libera da malattia), e poi di farlo mediante inserimento di un velenoso vaccino, è illogica ed insensata, 10) Il digiuno è validissimo metodo di disintossicazione, ossia una vera e propria accelerazione igienista. 11) Rispetto assoluto ed indiscutibile del prossimo a 360 gradi, 12) Rispetto religioso della Natura, dei terreni, delle falde acquifere e dell'Ambiente, 13) Adozione di dieta vegan-crudista tendenziale, sostenibile, personalizzabile secondo le proprie esigenze, 14) Esposizione solare dovunque possibile, 15) Movimento ed esercizio, in particolare un'ora al giorno di camminata, con l'aiuto di racchette, associata a sbuffante ritmo respiratorio, 16) Pensiero positivo, 17) Autostima, fiducia in se stessi, 18) Attrezzarsi contro le avversità e prendere nota che viviamo in un mondo teso a farci ammalare, 19) Cattura di forza elettromagnetica, di energia e di radiazioni positive in tutti i modi, possibili.

GRANDI INSEGNAMENTI PROVENGONO DALLA STRAORDINARIA CIVILTÀ ROMANA
Non soltanto la cultura del naturale e del crudo, non solo l'amore per il cavolo ed il carciofo, non solo il rifiuto delle pozioni mediche greche e la messa fuorilegge della medicina per 700 anni di seguito. Non solo queste scelte qualificano Roma Antica. A Roma esistevano oltre 1000 Terme ed una di esse poteva accogliere oltre 20 mila persone per volta! il freddo contrae e restringe muscoli, nervi e vasi sanguigni, mentre il caldo li dilata. Tre semicupi al giorno in zona genitale, stando 15 minuti  per volta nell'acqua calda a 40°C e 30 secondi per volta nell'acqua fredda a 10-15°C è garanzia di salute e di circolazione migliorata. L'acqua pulisce e depura. Artrite, inappetenza, ansia, pigrizia linfatica, fibromialgia, reumatismi, vengono migliorate mediante idroterapia. L'imperatore Cesare Ottaviano Augusto (27 a.C- 12 d.C) fu curato con l'acqua da grave malattia dopo che tutte le altre cure erano risultate vane. Carlo Magno (742-814), re dei Franchi ed imperatore del Sacro Romano Impero, teneva le sue udienze immerso in una vasca di acqua tiepida!

IL MOTORE UMANO RICHIEDE CURA E MANUTENZIONE
Il motore umano è qualcosa di assai complesso. Una entità supersensibile basata su valori biochimici, elettrici, vitaminici, energetici, mentali e spirituali. Chiaro che per funzionare al meglio richiede energia, vitalità e soprattutto pulizia. Un motore è potente e ha rendimento ottimale quando è ben pulito. Perde invece la sua forza e la sua efficienza quando è sporco. Quando una macchina si rompe e ti lascia a terra è raro che ciò sia dovuto a difetto di fabbricazione. Un'auto di qualità, guidata e mantenuta con cura, dura per mezzo milione di chilometri. Succede invece che molte vetture si fermino molto tempo prima per banalità tipo cavi sporchi, olio sporco, filtro intasato. Guardate da fuori sembrano perfette, mentre risultano rovinate e compromesse nei loro componenti meccanici interni, messi a dura prova dal nostro guidarle malamente, e dalla nostra incuria a livello di manutenzione. Non è diverso nel caso dell’uomo.

DIFFERENZE NOTEVOLI DI RENDIMENTO E DI DURATA
Come spiegare che della gente muore di attacco cardiaco a 40-50 anni, mentre un certo malesiano Lelilai Omar Bin Datuk Panglima a 117 anni inforcò qualche anno addietro la bicicletta e fece 40 chilometri per andare dove? Per andare a sposarsi la sua diciottesima moglie di soli 40 anni? Come spiegare che della gente pensa di aver fatto cose eccelse raggiungendo 90-100 anni in condizioni decrepite, mentre il celebre giardiniere vegetariano Thomas Parr, a 130 anni venne denunciato per biasimevoli tentativi di stupro alle donzelle di corte britannica, e morì a 152 anni per colpa della cura a suon di bistecche impostagli da Carlo I di Inghilterra?

UN BUON SISTEMA NERVOSO CI MANTIENE AL TOP DELLA FORMA PSICO-FISICA
Uno degli agenti che trasmette forza vitale è il sistema nervoso. Qualsiasi sua alterazione funzionale si riflette sul corpo nel suo assieme e genera malattia. Vita tranquilla, senza ambizioni sproporzionate, libera da intense preoccupazioni, è condizione indispensabile per una buona salute. Odio, orgoglio, ira, invidia e avvelenamento del sangue, vengono metabolizzati su organi-base come stomaco e fegato. Pensare positivo e movimento fisico sono vita. Traumi emotivi negativi e inazione significano morte. Dobbiamo muoverci, sudare, espellere regolarmente tutti i residui del nostro consumo organico. Dobbiamo riposare meglio e dare priorità alle ore prima di mezzanotte, che valgono il doppio. Dobbiamo dormire con la testa a nord per un migliore profitto dai flussi magnetici.
L'abitudine e la dipendenza verso i cibi innaturali, verso il fast food e verso i cibi pronti da consumare, sono potenti quanto la dipendenza dalle droghe e rappresentano la maggiore minaccia alla salute e al benessere della gente.

COSTIPAZIONE, TRANSITO RALLENTATO E AUTO-INTOSSICAZIONE
Per costipazione si intende transito rallentato e ritardo nella espulsione dei rifiuti fecali dell'intestino e del colon. Visto che tale transito impigrito è inevitabile nelle diete occidentali basate su proteine animali, grassi, zuccheri e cereali raffinati, la costipazione è una costante in questo modo di mangiare. È risaputo da sempre che la costipazione conduce alle peggiori anomalie. Centinaia di documenti medici, scritti anche secoli addietro, collegano la costipazione e i suoi effetti intossicanti a ogni forma di patologia conosciuta inclusa quella cancerogena, mentre permane la controprova millenaria che le popolazioni native non sperimentano e non conoscono costipazioni e cancri per le loro diete prevalentemente vegetariane, per cui le malattie degenerative della società civilizzata sono praticamente illustri sconosciute.

RESIDUI TOSSICI INTESTINALI E FEGATO INCAPACE DI DETOSSIFICARE
Fu stabilito già nel 1909 con esperimenti di medici illustri, tipo C. C. Herter e A. I. Kendall ed altri, al Rockefeller Institute, che una dieta alto-proteica porta inevitabilmente al predominio di batteri proteolizzanti, putrefattivi ed anaerobici nel colon, producendo innumerevoli residui tossici. Associando la costipazione a tale tipo di dieta, i fluidi biliari che ritornano regolarmente al fegato dal colon, nel loro ciclo di lavoro, si caricano di quelle tossine che poi subiscono opera detossificante e neutralizzante nel fegato, prima di passare ad eliminazione urinaria in zona renale. Ma spesso il fegato non è nelle condizioni di detossificare. Ecco allora che le tossine finiscono per circolare nel sangue avvelenando il sistema e danneggiando i reni. Sir W. Harbuthnot Lane, nel suo documento Chronic Intestinal Stasis del 1913, dichiarò che la costipazione facilita la moltiplicazione di microrganismi e il susseguente sviluppo di tossiemia nel sangue, che conduce a cambiamenti degenerativi in ogni tessuto.

MODERAZIONE NEL MANGIARE ED ESERCIZIO FISICO
Per una vita sana e longeva il primo fattore è la moderazione nel mangiare, il secondo fattore è l'esercizio, la camminata giornaliera di almeno un’ora, perché è questo che migliora la circolazione e l'efficienza generale del metabolismo corporale. Solo col moto si riesce a movimentare e a velocizzare il metabolismo dei grassi, minimizzando così gli effetti dannosi della dieta grassa. Nel 1920 il celebre medico americano Henry Lindlahr, elencò gli effetti della violazione umana delle leggi naturali: 1) Abbassamento vitalità, 2) Anormale composizione del sangue, 3) Anormale composizione della linfa, 4) Accumulazione di residui putrefattivi e di tossine in zona colon.

UOMO MODERNO TRA FANTASTICHERIE, PRESUNZIONI E VOLI PINDARICI
L’uomo del XX secolo, armato di illimitata fede nei suoi concetti chimico-materialisti, scoperti gli elettroni e scoperti i mitocondri cellulari, si è illuso di potersi sostituire alla natura in tutto e per tutto. Pretenderebbe così di poter sintetizzare il cavolo, le vitamine, il minerale organico. Pia chimera la sua. Non ha ancora capito che il prodotto naturale possiede nella sua forma tutti gli elementi sinergici indispensabili, con fattori che si compensano a vicenda, si completano, si integrano, si moderano e si modulano, cose impossibili da raggiungere coi mezzi limitati della chimica da laboratorio.

LA VITAMINA C SINTETICA NON GUARISCE LO SCORBUTO
Le prove sono evidenti, non si è mai riusciti a guarire lo scorbuto con la vitamina C sintetica, anche se in forti dosi, mentre tale morbo viene debellato regolarmente col limone, col cavolo, col rafano e altre risorse vegetali contenenti non solo vitamina C naturale, ma anche la concomitante azione della vitamina C2, come dimostrato dal professor Paris.

VITAMINE SINTETICHE, ZUCCHERI INDUSTRIALI E INTEGRATORI MINERALI NEMICI DELL'ORGANISMO
Gli zuccheri dell'albicocca sono zuccheri semplici. Si tratta di levulosio e glucosio, pentosio e arabinosio, e vengono combusti nell’organismo senza necessitare di alcun lavoro da parte dell'apparato digerente. Lo zucchero d'uva diventa elemento costitutivo del sangue e non richiede nemmeno digestione. È per questo che l'uva è indicata per dispeptici, stitici, gottosi e reumatici. Tutti gli elementi di un vegetale sono necessari per una azione efficace. Sali minerali, oligoelementi, mucillagini, protidi, lipidi, vitamine. Tutti i vegetali sono ricchi di vitamine del gruppo B, ma la somministrazione di gruppo B sintetico e in forma isolata provoca spesso la pellagra, essendo nemico della vitamina PP (pellagra preventive) o B3. La clorofilla degli ortaggi e della frutta è estremamente importante per la conservazione dell'equilibrio interiore. È il sangue verde dei vegetali. Non differisce molto dall'emoglobina, avendo per differenza un atomo di magnesio al posto di un atomo di ferro. Il carattere tossico delle vitamine sintetiche, inclusa la tanto strombazzata B12, è ammesso da tutti i ricercatori trasparenti e non collusi con Big Pharma. I sali inorganici poi vengono il più rapidamente possibile espulsi dal corpo, oppure depositati nelle sue cavità al fine di essere tolti di circolazione.

MEDICINA DISORIENTANTE E DISINFORMANTE
Non è poi così difficile rendersi conto di quanto l'industria medica sia, per caso o per deliberata scelta, ignorante sui fatti reali della salute e della malattia. Basta osservare i testi universitari e le false premesse, gli inamovibili concetti adottati, regolarmente arretrati ed obsoleti, indietro di decenni rispetto ai laboratori di libera ricerca. Non è per niente strano che la medicina sia disorientante, disinformante e controproducente nei confronti della salute pubblica. Del resto la salute non si compra. Per ottimizzare la nostra forma e il nostro fitness dobbiamo necessariamente tornare alla natura, a come essa intende debba essere il cibo umano. Dobbiamo ritrovare i collegamenti con quanto facevano i nostri antenati. Le loro diete consistevano di bacche, di frutta selvatica, di foglie e radici consumate crude, con scarsissimo e casuale apporto di grassi e proteine animali.

IL CARBURANTE UMANO DI ELEZIONE SONO I CARBOIDRATI NATURALI CON MICRONUTRIENTI ED ACQUA BIOLOGICA
La dieta per ottimizzare la salute umana non è la dieta alto-proteica, ma quella basata sui carboidrati naturali, sul tipo di benzina zuccherina disegnata appositamente per il nostro tipo di motore umano. L'idea di rimpiazzare i carboidrati naturali con forme raffinate di zuccheri sintetici evidenti e nascosti è un disastro nutritivo senza scampo. La nostra forma psicofisica richiede ossigenazione, circolazione rapida ed efficace, di modo che nutrienti e prodotti di scarto possano entrare ed uscire senza impedimenti dalle cellule. Nella persona fuori forma, i maggiori vasi sanguigni e la microcircolazione dei capillari diventano pigri, e il metabolismo cellulare diventa compromesso, con malattie degenerative e cancerogene per risultato.

RIPRISTINARE LA CHIMICA INTERNA
La gente merita chiarezza ed informazione. Occorre correggere i disturbi metabolici e ripristinare l'appropriata chimica corporale, fattore indispensabile per la salute. Esiste una conoscenza di lunga data e in continuo incremento sul cruciale fattore dietologico nelle complesse cause di neoplasia. Ci sono grosse correlazioni tra le modifiche dietetiche e sensibili miglioramenti in tutti i processi di guarigione.

GLI ABBAGLI DEI NUTRIZIONISTI E L'INVASIONE DELLO ZUCCHERO
Cancro e cardiopatie sono killer spietati. Molta gente segue coscienziosamente programmi di salute, ma non approda a nulla di concreto, e non si avvicina nemmeno al suo alto potenziale autoguaritivo perché i suoi piani di recupero contengono marchiani errori in termini di consigli e di direttive dietetiche. Errori dovuti ad aberrazioni ed abbagli di nutrizionisti anche autorevoli. Errori assai pericolosi. Non tutti si rendono conto che le due sostanze più pericolose al mondo sono i grassi animali e gli zuccheri raffinati. Tra gli azzardi peggiori del pianeta, il consumo dello zucchero, che nel 1850 vedeva una produzione mondiale di 1.5 milioni di tonnellate e nel 1970 toccava i 70 milioni di tonnellate. Oggi si parla di 150 milioni di tonnellate. Da un chilogrammo e mezzo a testa siamo passati a 20 kg procapite.

LA CHIAVE DEL BENESSERE STA NEL SANGUE SCORREVOLE ED OSSIGENATO
Settanta anni fa, il dottor Are Waerland, pioniere olandese del movimento di Salute Naturale dichiarò: "Non siamo preoccupati delle malattie ma piuttosto dagli errori comportamentali e dagli errori terapeutici. Tutte le malattie sono evitabili, rettificando diete improprie e abitudini perverse di vita. La chiave vitale per una lunga vita è una corrente sanguigna scorrevole e ossigenata".

SI MUORE NON PER VECCHIAIA, MA PER LOGORAMENTO ANTICIPATO DI UN PUNTO DEBOLE
Il dottor Hans Selye, celebre anatomista,nel suo libro The Stress of Life, ha dichiarato che tra tutte le migliaia di autopsie da lui eseguite su persone decedute per malattia, nessuna di esse era morta per vecchiaia. Gli uomini muoiono perché una parte vitale si è logorata anzitempo rispetto al resto del corpo! Il punto saliente di ogni cura è di eliminare tutti i grassi saturi e polinsaturi e il colesterolo dalla dieta, estromettendo sale, zuccheri raffinati evidenti e nascosti, miele estratto a caldo, succhi devitalizzati, caffè e bevande gasate.

DOCUMENTO DI PHOENIX SUL PENTIMENTO TARDIVO DI PASTEUR
Esiste un rapporto basilare presentato nel 1977 alla Accademia di Medicina Preventiva a Phoenix- Arizona, dal dottor Archie Kalokerinos di Sidney e dal dottor Glenn Dettman di Mentone-Victoria. Questo documento descrive come Louis Pasteur ha messo il mondo intero sul binario sbagliato. Si portano qui le prove che il professor Antoine Béchamp aveva ragione nell'affermare che la malattia scatta e insorge quando nel corpo succede qualcosa che permette ai germi di invaderlo. Pasteur distorse questo concetto affermando che i germi sono nemici acerrimi da debellare e che la vaccinazione funziona.

CLAUDE BERNARD ED IL MILIEU INTERIEUR, OVVERO LA CHIMICA INTERNA DELL'INTERO CORPO
Claude Bernard, famoso per molte scoperte mediche, introdusse il concetto del Milieu Interieur, che sta per corretta chimica interna del corpo, chiamata anche concetto di salute e malattia del Whole Body, ossia dell’intero corpo. Significativo il fatto che, sul letto di morte, Pasteur fece l'unica cosa veramente valida della sua vita, confessando al professor A. Renon, che lo aveva in cura: "Bernard ha ragione. Il microbo non è nulla, il terreno è tutto".

DIETA AMERICANA PROTOTIPO DELLA DIETA AMMALANTE
Gli studi sulla salute condotti in America a più riprese hanno dimostrato che la diffusione spaventosa di cardiopatie e cancro sono diretta conseguenza di una alimentazione non salubre e non pertinente. La dieta alto-grassa, alto-proteica, alto-dolcificata e basso-fibrosa, tipica della società americana, intasa ed ostruisce il motore umano. Lo stesso rovinoso effetto che succederebbe usando kerosene al posto della benzina in un motore a scoppio.

SERVE CIBO PIACEVOLE, SOBRIO, DIGERIBILE ED INNOCENTE
Il corpo umano rimane forte, salubre e in forma solo quando funziona col suo cibo di pertinenza, col suo alimento adatto che è un carburante privo di grassi animali e derivato da grani, legumi, frutti e cereali che madre terra fornisce con grande generosità. Su questi punti non esistono obiezioni possibili. È questa poi la strada per arrivare simultaneamente alla salute fisica e anche alla crescita spirituale. La non violenza non è cosa da poco. Non è un optional, ma è al contrario fondamentale. Il cibo umano consente di non causare sofferenze e patimenti gratuiti ed ingiusti ad altre creature che hanno il pieno diritto di condividere con noi la loro avventura, la loro esistenza sul pianeta.

L'ASTENSIONE DALLA CARNE PORTA GIÀ A NOTEVOLI PROGRESSI
Col semplice atto di astenersi dalla carne, il corpo non solo diventa più sano, ma l'intero pianeta ne guadagna, diventando casa più gentile per tutti i suoi diversificati abitanti. Il miglioramento della salute rappresenta un meritato premio per chiunque adotti una dieta priva di offese. Il vostro corpo vi ringrazierà per queste scelte e per questa saggezza. Pure gli animali, e il loro Creatore, vi saranno grati per la vostra sensibilità e la vostra compassione.

IL SIGNIFICATO DELL'AGGETTIVO TENDENZIALE
Una cosa va messa in evidenza. Il nostro è un vegan-crudismo tendenziale. Tendenziale significa tollerante e non assoluto. L'inserimento dell'ovetto con gli asparagi e col tarassaco, o della frittata alle verdure, la tolleranza verso la fetta di formaggio di malga o la scaglia di grana, e al limite verso il pesciolino in zona costiera ed insulare o comunque per chi non ne sa fare a meno, non è approssimazione, non è cattiveria, non è contraddizione, non è dispetto, non è pasticciare, non è allontanarsi dal candore e dalla perfezione, non è tradire le nostre migliori intenzioni, non è dare il cattivo esempio o indurre la gente al compromesso. Tutti vorremmo essere precisi, lineari e trasparenti.

OBIETTIVO FONDAMENTALE È LA SOSTENIBILITÀ
Sappiamo benissimo che la vita del pesce piccolo non vale per esso meno di quella del grande. Ma non sempre si riesce a far collimare tutte le esigenze etiche e salutiste. Non sempre si riesce a predicare coerenza e perfezione su tutti i fronti. A volte la coperta è corta. Ad ogni uscita in auto facciamo fuori sì o no migliaia di moscerini. Non si tratta di uccellini. Eppure anche loro ci terrebbero a vivere. Il nostro scopo non è poi la perfezione fine a se stessa. L'obiettivo è piuttosto quello di rendere le nostre proposte accettabili e sostenibili a uno strato più vasto della popolazione. Rispettiamo ovviamente chi riesce a mantenersi su livelli vegan-crudisti perfetti, pur sapendo che essi si prestano soprattutto a periodi limitati e a progetti rigorosi mirati a drastiche detossificazioni.

IN UNA BUONA CUCINA VEGETARIANA NON ESISTE NOIA E NON ESISTONO CARENZE
Non è poi solo questione di colori, di aromi e di sapori della cucina vegana, deliziosa per i nostri sensi. Tutte le esigenze di proteine, carboidrati, vitamine, minerali, ormoni, fibre, sono rispettate nella cucina vegan e vegetariana. Le nostre cellule, i mattoni del nostro corpo, si nutrono di carboidrati naturali, ossia di zuccheri e di amidi provenienti dalle piante. I carboidrati bruciano tutti nella creazione dell’energia, e non fanno come i grassi animali che vengono invece depositati sotto la pelle. Le calorie dei grassi animali tendono a renderci metabolicamente collosi, irrigiditi ed intasati, cosa che non succede con i carboidrati.

LA CARNE APPESANTISCE IL LAVORO DI RENI, FEGATO E MILZA
Mangiar carne impregna il corpo di scarti proteici che causano pesantissimo lavoro ai reni che li devono trasformare in urina, con sovraconsumo di calcio. Questa perdita ruba calcio alle ossa, e causa osteoporosi e ossa sottili. Le proteine vegetali dei grani integrali, verdure verdi e legumi, sono meno concentrate, sono più sicure e vengono assorbite a ritmi lenti nel sangue.

COSA È L'IGIENE NATURALE
L'Igiene Naturale, o Health Science, non è un’impresa pubblicitaria che reclamizza prodotti, pillole o cure miracolose. Non abbiamo nulla da vendere. Non siamo coinvolti in nessun business che non sia la difesa a spada tratta di una migliore qualità della vita a livello fisico, mentale e spirituale.
L'Igiene Naturale è Franco Libero, sono io stesso spero, mi auguro siate voi tutti, venuti qui ad ascoltarci. Noi promulghiamo verità immutabili. Verità rimaste intatte, non sminuite e non sconfitte dal tempo. Verità eterne perché fondate sulle leggi della natura e non sulle motivazioni banali e corrotte in voga nella umana società.

ALTI COSTI DEL VIVERE QUOTIDIANO
Costiamo? Purtroppo si. Non siamo sciuponi ma non siamo nemmeno speculativi. Vivere, muoversi, prepararsi, fare le cose che facciamo, costa molto. Vorremmo fare tutto bene e magari tutto gratis. Questo non è possibile. Oggi viviamo in una società scarnificante, persecutoria, bollettomane ed ultra-tassante. Non è che basti stare tranquilli a casa, vivendo in regime di totale risparmio energetico ed alimentare. Il mostruoso macchinario delle imposte, delle bollette, delle spese, delle assicurazioni non ti dà tregua, ti assilla, ti insegue, ti macina e ti travolge. Non è come nella crisi del '29, dove i disoccupati si salvavano girando in bicicletta e mangiando patate e cipolle. Oggi, se manca un sostanzioso introito, sei fregato del tutto. È antipatico chiedere supporti, per cui non facciamo questue, ma francamente qualche sacrificio e qualche supporto siamo costretti a sollecitarlo.

SCIENZA DELLA SALUTE TIPICAMENTE NOSTRANA, MA RAVVIVATA DA TILDEN, SHELTON E COLLEGHI MEDICO-IGIENISTI
Non è un caso che l'Igiene Naturale, Scienza Salutista nata e sviluppata soprattutto nella Magna Grecia di Crotone e dintorni, nella Roma Imperiale, nel Rinascimento Leonardesco, nella Venezia di Luigi Alvise Cornaro, nella Scuola Medica Salernitana, e anche nelle fertili scuole della Germania, dell'Impero Austro-Ungarico e della Grande Russia, abbia trovato terreno fertile di risviluppo negli Stati Uniti d'America.  In un paese afflitto da diete chiamate dagli stessi americani come Disastri Nutritivi, avendo esse precipitato il paese nelle fauci della malattia, ai primi posti per mortalità infantile, per patologie degenerative tipo cardiopatie e cancro, per scarsa longevità.

CI BATTIAMO PER IL RISPETTO DELLE LEGGI NATURALI E PER LA DIFESA DELLA SALUTE
L'Igiene Naturale o Scienza della Salute si batte per alcuni principi precisi. 1) La vera salute si costruisce giorno per giorno e non si compra in farmacia, 2) La qualità della vita si conquista mediante sane abitudini comportamentali, 3) La difesa di un ambiente naturale, di una vita individuale e sociale di alto livello, è un diritto-dovere di tutti, 4) Il corpo non va mai contro se stesso, essendo incline naturalmente alla salute, essendo incline a guarire da sé e a restaurarsi da sé non appena gli vengano fornite le giuste materie e le giuste condizioni, 5) La maggior parte delle malattie-sintomo derivano da una ben definita e dimostrata catena di cause ed effetti, includenti debolezza, esaurimento e tossiemia. Tossine più che microbi contagianti, tossine più che allergie, tossine più che malattie rare ed inguaribili.

LA SALUTE VA GUADAGNATA E CONQUISTATA PEZZO PER PEZZO
"Oggi ci troviamo di fronte a problemi di salute molto seri, come attacchi di cuore ed infarti, problemi circolatori ed altri drammi che conducono la metà degli americani ad una fine drammatica e prematura. Il cancro è malattia nazionale. L’artrite affligge e storpia la metà degli americani, ossia oltre la metà della popolazione attiva". Questo scriveva Shelton negli anni 70-80. Ma la situazione odierna non è cambiata di una virgola. Se vogliamo davvero la salute c’è un solo modo di ottenerla, ed è quello di guadagnarcela. Dobbiamo sapere cosa fare e poi perseverare nel farlo.

DIGIUNO, TECNICA DI EMERGENZA DA USARE OCULATAMENTE
Per quanto mi concerne, non sono un fanatico del digiuno ad ogni costo ed in qualsiasi circostanza, ma lo ritengo una ottima ed insostituibile tecnica di emergenza da tenere nel cassetto per quando serve veramente, una specie di accelerazione depurativa per chi non si accontenta di una scelta alimentare basata sul vegan-crudismo avanzato, virtuoso e sobrio, che già di per sé comporta notevoli effetti depurativi, anche se più diluiti nel tempo.

REGOLARE SCOMPARSA DEI DISORDINI CORPORALI
Il digiuno igienistico non ha bisogno di essere difeso. Viene praticato in natura persino dagli animali, quando stanno poco bene. Esistono non decine ma migliaia di centri digiunistici nel mondo, dove si recano moltitudini di persone per ristabilire il corpo e la mente. Di norma si accorgono che molti dei loro disordini scompaiono. Acne, reumatismi, gotta, asma, ulcere, alcolismo, cardiopatie, cisti, polipi e tumori scompaiono e si dissolvono durante il digiuno. Il digiuno non è una cura, ma permette al corpo di ristabilirsi da sé.

DIGIUNO COME DIROTTAMENTO ENERGETICO DALLA FUNZIONE DIGESTIVA ALLA FUNZIONE IMMUNITARIA
Molte sono le energie che il nostro corpo impegna per la digestione e l'assimilazione. I costi energetici della digestione rappresentano una delle maggiori incombenze per il corpo umano. Mangiare in continuazione o in modo smodato toglie energie al nostro organismo, anziché apportarne. Sciupare energie nella digestione significa ritrovarsi con un pugno di mosche in mano e con una carenza di forza immunitaria, indispensabile per l'eliminazione delle scorie metaboliche che produciamo in continuazione.

DISINTEGRAZIONE SELETTIVA, INTELLIGENTE ED ORDINATA
Durante il digiuno si attua un recupero energetico più che un sacrificio. Tutte le energie che andavano ai processi digestivi e alla vita sociale, vengono ora impiegate nel processo  di disincrostazione, di disintegrazione e di autolisi, che è una digestione dei propri tessuti. Tessuti auto-cannibalizzati in ragione inversa alla loro utilità. Si tratta di una disintegrazione selettiva, intelligente e ordinata, per cui vengono metabolizzati per primi i liquidi stagni da ritenzione, seguiti via via dal grasso, dal glicogeno epatico, dalle cisti, dai polipi, dai tumori, dagli ascessi, dalla cellulite, dagli edemi, dai trombi.

SIAMO UNA FABBRICA COMPLESSA CHE PRODUCE SCARTI E RESIDUI
Il nostro corpo è paragonabile a una fabbrica. Cento trilioni di cellule, mille trilioni di batteri, 100 miliardi di neuroni nel cervello, 5 milioni di pori, 5 milioni di nefroni nei 2 reni, 500 funzioni svolte dal fegato, 10 mila km di capillari del diametro di 8 micron, ossia un decimo del capello, intuiti già nel 1600 a.C. come da papiro medico-egizio di 20 metri, recuperato a Luxor-Tebe. Il nostro corpo è paragonabile a un complesso industriale in miniatura, dove si immette materia grezza, cibi, liquidi, aria, sensazioni, e dove si producono sangue, linfa, ossa, muscoli, pelle, oltre che materiale di scarto che deve essere espulso con prontezza tramite la respirazione, le feci, l'urina, la sudorazione.

OGNI FABBRICA HA BISOGNO DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE
Digiunare igienisticamente significa riposare al calduccio, niente esercizi fisici, niente nervosismi e polemiche, niente stress. Solo acqua distillata o acqua leggera accanto al comodino, e nessun altro tipo di sostanza. Significa non assumere alcuna pillola ed alcun farmaco. Significa chiudere per lavori in corso, dare una vacanza a stomaco, mente, muscoli, nervi, ghiandole. In questo periodo avviene all'interno del nostro corpo una intensissima attività. Il corpo sa esattamente cosa fare e cosa non fare, grazie alla sua infinita saggezza e alla sua intelligenza interiore.

IL RITORNO DELLA FAME COME SEGNALE CHIARO DELLO STOP AL DIGIUNO
Dopo un certo periodo di tempo, variabile da persona a persona in dipendenza della sua età, della sua forza immunitaria e del suo stock tossico da disgregare, torna la fame con grande forza e quello è il segnale-base per dare uno stop al digiuno, mentre ci sono altre indicazioni tipo lingua pulita, alito gradevole e urine non più scure ma schiarite. Alla luce di tutto questo appare in tutta la sua gravità l'atteggiamento ostile e diseducativo di chi critica il digiuno per preconcetti che non hanno ragione di esistere.

CONTRO LA CIVILTÀ DELL'ANTIBIOTICO, DELLA CHEMIO E DELLA PESTILENZA
Per concludere, stiamo remando vigorosamente contro corrente. Lottare per la salute non viene visto di buon occhio. Dà fastidio a troppa gente che campa sul grosso ed inesauribile business della malattia.  Siamo schierati contro le lobby della sanità farmaceutica, contro chi si spartisce la torta della sofferenza umana ed animale. Siamo contro la civiltà dell'antibiotico, della chemio, dell'Aids e dell'Ebola, contro il revanscismo vaccinarono e pestilenziale dei monatti e degli untori.

Valdo Vaccaro

Nessun commento:

Posta un commento