Sandro Pertini

I ben pensanti non accettano che si segua una strada diversa dalla loro….



21 dic 2014

Renzi ospite pure dalla Clerici: Canzoni con i bambini e sorrisi




Ieri Matteo Renzi era ospite dalla Clerici su Rai 1. Il giornalista di Repubblica Filippo Ceccarelli ha scritto un durissimo articolo contro il premier raccontando quello che è successo in diretta. Leggiamo
Sarebbe questo il "mondo da amare", come si intitolava sdolcinatissimamente la trasmissione di Rai1 in cui ieri sera il giovane premier si è fatto intervistare da bambini e adolescenti ammaestrati con la mellifua regia di Vespa ("qualcuno ha una domandina?") e la goffa complicità -- "oh, presideeente!" -- di Antonella Clerici?

Sarebbe questo il promesso rinnovamento della vita pubblica, la rinascita di Milano, l'antipasto dell'Expo? E' Natale, è Natale, gridavano tutti in continuazione, un misto di euforia e di retorica, una captatio nemmeno troppo benevolente, anzi spudorata, le canzoncine che stringono il cuore e l'Italia bellissima centro del mondo, le eccellenze nazionali, il cibo, la bellezza, il talento e la letterina a Babbo Natale letta dalla bimba con l'inquadratura del leader quasi commosso, la giornalista con il caschetto da operaio che dava conto dell'alacre lavoro e della corsa contro il tempo -- chissà perché mai saranno in ritardo, s'è accennato solo a un "problema" -- e comunque mai mollare, applausi, mai denigrarsi, applausi, ce la faremo, applausi chiaramente pilotati e somministrati a gradazione, un abbraccio al presidente Napolitano, applausi, ma soprattutto le faccette, le smorfiette, le mossette, la più tenera e quindi torva tele-mistificazione.

Se si trattava di un distillato di tele-renzismo, beh, occorre ammettere che il berlusconismo non è passato invano. Dietro l'apparente novità, l'evoluzione della più vieta pratica di consenso a buon mercato. Un gioco molto adulto e anche potenzialmente totalitario, ma camuffato e virato sul sentimento, l'intrattenimento, le coccoline da predazione. Chiamatemi Matteo. «Lavoro per voi, come un capoclasse».

E anche se «mi rottameranno» la politica è bella. L'Italia non sa farsi i selfie. Una scuola all'altezza dei sogni. Vanno bene Facebook e twitter, ma attenzione agli altri. La pedagogia tele-istituzionale si dispiega mentre sul fondale passano paesaggi meravigliosi, piazze animate. Sempre applausi.

Sull'uso, l'abuso e lo sfruttamento dei bambini in politica e in tv esiste ormai una cospicua letteratura, l'usanza è tanto riprovata quanto, purtroppo, generalizzata. Il format degli incontri con le scolaresche di Nonno Silvio, l'acqua santa del Po versata sulla testa degli orsetti padani, la piccola nera messa in braccio a Bersani, i cortei rossi e tricolori aperti da innocenti. Per cui ieri sera si poteva ingenuamente pensare: sed diabolicum perseverare. Nel marzo scorso, alla scuola Raiti di Siracusa un coro di alunni delle scuole elementari accolse il premier: «Facciamo un salto/ battiam le mani/ ti salutiamo tutti insieme/ presidente Renzi».

Ci furono polemiche, si attese una qualche autocritica, arrivò un bofonchio: «Che dovevo fare? ». Perciò quello che si è visto ieri sera sa un po' di sfida. Farmi riprendere con i bambini è mia prerogativa presidenziale, chi se ne importa se i soliti gufi la prenderanno come una conferma del servilismo volontario della tv, l'ennesimo caso di antropologia malata di una classe politica che non sa resistere alle scorciatoie, e invece di lavorare in silenzio si mette a fare Giocagiò.

I ragazzini di ieri sera erano quelli del talent di Rai1, le reti Mediaset l'hanno subito copiato, poi ai bambini ballerini e ai bambini cantanti si sono aggiunti i bambini cuochi. Adesso la grande macchina televisiva che non rispetta niente e nessuno ha scoperto e rilanciato i paggetti del potere.

E' duro da scriverlo così, ma davvero si stenta a valutare la faccenda in modo più moderato. Tutto era così deliziosamente pianificato da sembrare spontaneo. A un certo punto un bambino ha tirato fuori il "gabinetto", inteso come governo, ma anche come cesso. Era questo il passaggio comico della serata, che per poco non è finita a cacca e piscia, con rispetto parlando. Grandi risate, finto imbarazzo di Renzi, Vespa che insisteva su un registro alto, la Clerici che mamma mia...

La forza ricattatoria dei bambini, l'infanzia giocata come risorsa di attenzione e di interesse, sono armi improprie, e chi ha creduto in Renzi sperava che fosse diverso da quelli che l'hanno preceduto, invece ieri pareva fin troppo a suo agio. Ma il copione era anch'esso fin troppo semplice per nascondere l'obiettivo reale di quella scena così stucchevole, così priva di umanità autentica. L'unica speranza è che questa roba non funzioni, che raccatti meno consenso del previsto; che riveli a suo modo l'horror vacui e la paura che dietro non ci sia nulla. L'Expo intanto parte così. Lo spettacolo seguita a mangiarsi tutto.

Nessun commento:

Posta un commento