Sandro Pertini

I ben pensanti non accettano che si segua una strada diversa dalla loro….



31 ago 2014

Lettera aperta di un poliziotto a Renzie

| |
renzi_polizia_lettera.jpg

"Caro Renzi,
forse hai già sentito la mia voce quando hai composto il numero di emergenza perchè pensavi di essere in pericolo: era notte ed io ti ho rassicurato, mandando a casa tua altri come me a controllare che fosse tutto a posto; forse hai già incrociato il mio sguardo, in un torrido pomeriggio d’agosto, mentre andavi in vacanza ed io ero lì, sul ciglio della strada, con al fianco un mitra ed un altro collega, pronto ad intervenire in caso di bisogno; forse hai sentito parlare di me, al telegiornale o alla radio, quando ho sequestrato tanta droga che avrebbe reso triste la vita di tanti giovani ragazzi;


probabilmente hai visto già la mia divisa piegata su una bara, quando ho sacrificato la mia vita per il mio Paese; probabilmente hai letto il mio nome sui verbali di arresto di un pericoloso latitante, dopo mesi di duro appostamento, rinunciando agli affetti a me più cari, alla mia famiglia.
Adesso leggerai le mie parole e neanche stavolta conoscerai il mio nome, perchè sono solo uno dei tanti angeli che ogni giorno stanno accanto a tutti gli italiani, in silenzio, offrendo protezione e sicurezza. Quello che diamo ogni giorno ed ogni notte non ha prezzo perchè è la nostra vita.
Se ritieni giusto continuare a bloccare gli stipendi con cui i miei familiari si sostengono, fallo pure, ma prima di farlo pensa al mio sguardo, alle mie parole, ai miei sacrifici." Un appartenente alle forze dell'ordine




 Son belle le frasi e son belli anche i pensieri . Ma non condivido di per sè. Perche finire la frase come uno schiavo che dice al suo padrone non picchiarmi perchè ti ho servito bene? perchè ricordare il proprio operato solo in base a quanto guadagno? perchè ribadire i propri diritti solo perche si vedono toccati i ca..i propri ("Denaro").Perchè dire questo solo ora ? e i caxxi degli altri? ognuna si lamenta per i caxxi propri? e gli altri che prima delle tue frasi che ti decurtano lo stipendio dove eri? che protestavano per il loro e per i tuoi diritti sociali non monetari.Tu doveri? quei padri che perdevano i lavoro e si sentivano depredati della loro dignità con la paura di perdere la loro famiglia cercando di manifestare pacificamente i loro diritti verso uno stato assente. Tu dove eri? e cosi potrei andare all'infinito ma tu dov'è eri ? te lo dico io schierato con un cordone bene in vista con casco e manganello che al di la di ogni plausibile ragioni eseguivi ordini che erano fuori da ogni inbdubbia ragione. Scusa lo sfogo ma pane a pane vino al vino...

Nessun commento:

Posta un commento